asinara-barca-a-vela-mare

Quando si parla del mare della Sardegna cadere in clichè piuttosto banali è estremamente facile, chi di voi non userebbe le parole “bellissimo”, “magnifico” o “un paradiso” per descriverne l’aspetto?

Le coste sarde sono abbracciate da acque cristalline che si insinuano in un perenne susseguirsi di cale e spiagge; rocce, sabbia, scogliere, ancora sabbia e poi di nuovo roccia, un paesaggio aspro e maestoso che si tuffa nelle acque più belle d’Italia.

Ecco, e se vi dicessi che un’escursione all’Asinara in barca a vela vi costringerà a cercare epiteti più lusinghieri e appropriati?

Se dovessi stilare una sorta di classifica delle spiagge-acque più belle della Sardegna del nord probabilmente Stintino e le zone limitrofe campeggerebbero fiere sul gradino più alto del podio con il loro fondale basso e sabbioso che anche mosso dal vento regala l’impressione di nuotare in una piscina.

Questo era quello che pensavo prima di veleggiare felice intorno all’isola dell’Asinara, un isolotto di 50 chilometri quadrati al largo della costa di Stintino, un angolino di mondo che vanta un unico residente fisso ed è conosciuto forse più per i fatti di cronaca ad esso collegati che per il paesaggio mozza fiato.

Cosa prevede un’escursione all’Asinara in barca a vela?

Sebbene ogni compagnia organizzi le proprie escursioni come meglio crede, in linea di massima le tappe scelte sono sempre le stesse.

L’escursione si concentra sul versante sud-est dell’arcipelago e prevede due soste su terra e due soste bagno.

asinara-in-barca-a-vela

La nostra escursione si è fermata 30 minuti a Cala Reale, un piccolissimo borgo disabitato dove sorgono i resti dell’antico Palazzo Reale – e dove è possibile passeggiare in mezzo ai famosi asinelli dell’isola – e poco più di un’ora a Cala d’Oliva, il centro abitato più importante dell’isola; come vi dicevo poco prima questo conta un solo abitante ed è famoso per la foresteria dove i giudici Falcone e Borsellino scrissero i documenti del maxi processo alla criminalità organizzata e non ultimo, è tristemente famoso, per essere stata la dimora di massima sicurezza del boss Salvatore Riina.

A Cala d’Oliva è possibile visitare il carcere grazie ai volontari dell’associazione Libera, qui oltre a rendersi conto di quali siano le condizioni di (non)vita di un carcerato in regime di 41bis si ha modo di riflettere sulla validità e l’efficacia delle pene detentive [badate bene non sto qui a sindacare sulle condizioni di Riina quanto più in generale sulle condizioni carcerarie in Italia e nel mondo].

Quanto costa un’escursione all’Asinara in barca a vela?

Dopo aver attentamente scandagliato ogni offerta disponibile sul web direi che si hanno tre opzioni:

  • Escursione giornaliera in barca a vela con pranzo al sacco, partenza ore 9.30 e ritorno 18.30, costo 50 euro.

barca-a-vela

  • Escursione giornaliera in peschereccio con battuta di pesca e pranzo a bordo, 65-70 euro.
  • Escursione giornaliera in catamarano con pranzo di pesce, costo 75-80 euro.

In alternativa è possibile noleggiare un piccolo gommone per il quale non è necessaria la patente nautica e il costo è di circa 200 euro al giorno carburante incluso – sicuramente è un’opzione conveniente se dividete il costo almeno in 4.

asinara-bv

In definitiva vi consiglio caldamente di fare un’escursione all’Asinara in barca a vela, non ve ne pentirete!

Vuoi altre informazioni sulla Sardegna, dai uno sguardo qui!

PS se non lo hai ancora guardato sul mio canale youtube trovi il video dei miei quattro giorni sull’isola! Fammi sapere cosa ne pensi.

LASCIA UNA RISPOTA